Ristrutturazioni

Informazioni utili sulla posa e l’asciugatura del massetto


Clicca sui prodotti per procedere con l'aggiunta al carrello, la lettura della guida non si interromperà!

Quando si ha a che fare con la ristrutturazione completa di un appartamento o di una casa, potrebbe rendersi necessario sostituire il massetto.

La posa del massetto: cosa sapere

Il massetto è lo strato di cemento che si trova sotto al pavimento e copre praticamente tutti gli impianti: quello elettrico, le tubature idrauliche e anche un eventuale impianto di riscaldamento a pavimento. Tutti questi elementi vengono praticamente ricoperti da una colata di cemento che si chiama appunto massetto. La posa di questo elemento strutturale è decisamente delicata ed è sempre meglio affidarla a dei professionisti del settore: il cemento infatti deve essere perfettamente a livello perchè altrimenti si rischia di ritrovarsi con un pavimento non lineare ma inclinato. Inoltre, è fondamentale calcolare bene le misure: in genere il massetto ha un’altezza di 4/6 centimetri e questa naturalmente deve essere uguale in ogni parte della casa! Se così non fosse, potreste ritrovarvi con problemi di varia natura: un pavimento non perfettamente orizzontale, spifferi sotto alle porte in caso di poco spessore e via dicendo.

Tempi di asciugatura del massetto

Prima di poter applicare il rivestimento per il pavimento, naturalmente, bisogna aspettare che il cemento si asciughi completamente: il rischio in caso contrario è quello di ritrovarsi con bolle sul pavimento perchè con l’umidità tenderebbe ad alzarsi e non sarebbe sicuramente una bella cosa! Se intendete posare un pavimento in ceramica (compreso il gres porcellanato, il marmo ed il cotto) dovrete attendere almeno 10 giorni dalla posa del massetto, mentre per il parquet, il pavimento in resina oppure in laminato dovrete controllare il livello di umidità del sottofondo (questo dovrà essere inferiore al 2%).


La nostra azienda non si assume alcuna responsabilità per l'uso improprio dei prodotti indicati nei tutorial e dei danni che potrebbero causare, se non applicati correttamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *